Serie Fantasy

Stranger Things. La serie che ci fa tornare agli anni ’80.

Scroll down to content

Consigliato per gli amanti dei fantasy d’avventura con adolescenti come protagonisti, per chiunque sia appassionato dei Goonies, Stand by me e ET. E’ una serie tv con mostri in cui è presente sempre una certa tensione emotiva, pertanto la visione ai minori di 12 anni è consigliata solo in presenza di un adulto.

  • Titolo originale: Stranger Things
  • Durata media degli episodi: 55 minuti
  • Stagioni: 3 (in arrivo la 4)
  • Numero degli episodi: 8
  • Distribuzione streaming: Netflix
  • Genere: adventure drama fantasy

Trama

Nell’idillica cittadina di Hawkins, nell’Indiana del 1983, le vite ordinarie di un piccolo gruppo di giovani nerd, delle loro famiglie danneggiate e di una comunità sonnolenta sono stravolte in modi diversi dalla scomparsa di un dodicenne, Will. Mentre amici, familiari e una polizia a corto di risorse e spirito d’iniziativa portano avanti le ricerche, talvolta sconfinando l’uno nel territorio dell’altro, attorno al caso si muovono inquietanti forze misteriose che coinvolgono esperimenti governativi top-secret, presunte creature mostruose e una strana bambina con un nome e un appetito ancora più strani.

Curiosità

Hawkins, l’immaginaria cittadina dell’Indiana che fa da ambientazione alla serie, corrisponde nella realtà a Jackson, un comune nella Contea di Butts, in Georgia. Durante le prime fasi dello sviluppo, gli autori avevano scelto Montauk, l’omonima cittadina nello stato di New York, come scenario delle vicente. Montauk era stato scelto anche come titolo della serie.

Una serie cult e iconica

Creata nel 2016 dai fratelli Matt e Ross Duffer per Netflix, a distanza di quattro anni dal suo debutto Stranger Things si è aggiudicata il titolo di serie tv più seguita e apprezzata della nota piattaforma streaming, diventando un piccolo instant cult dedicato ad un pubblico inizialmente di nicchia, ma che col tempo ha saputo catturare anche l’attenzione di un’ampia cerchia di spettatori occasionali. Complici le ambientazioni che hanno fatto la gioia degli amanti del revival anni ‘80, un cast composto da grandi star e giovani talenti in ascesa, i continui riferimenti alla cultura nerd dell’epoca – da giochi come Dungeons & Dragons alle numerose citazioni cinematografiche – e le musiche ricercatamente contestualizzate, a partire dall’ormai celebre tema musicale realizzato a suon di synth, la sigla (vedi sopra) è un autentico capolavoro Lo show dei Duffer è riuscito a tenere il pubblico incollato al piccolo schermo per tutta la durata delle sue tre stagioni. E promette di fare altrettanto con il suo atteso ritorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: